Sonic the Hedgehog: arcade per natura

___Sonic è un titolo simbolico.
Sia per il Megadrive che per il sottoscritto, il quale alla spensierata età di tredici anni si fece regalare dalla zia imprenditrice la suddetta console a scapito del Super Nes, opzione alternativa da infilare nel pacchetto di compleanno.

___Il punto è che scelsi il Megadrive per due motivi.
Uno stupido: avevo letto quattro recensioni in vita mia e mi ero esaltato per il gioco di Jurassic Park.
Uno scaltro: avevo già avuto modo di rodare lo SNES dall'amicone, il Megadrive invece non l'aveva nessuno tra quelli che conoscevo.

___Insomma, mi appariva questo disco nero luccicante che diceva "io sono la cosa nuova", "ancora Super Mario?", "scegli me, scegli me". Quel riccio, quel pallozzo blu con l'indice alzato non sarà un'instrice ma senz'altro è un bell'istrione.

___Non potevo immaginare che Sonic the Hedgehog mi avrebbe affascinato tanto, anche se ricordo che tempestai di domande il fratellino che lo aveva provato alla Standa mentre era in esposizione.

___Al tempo non stavo certo a riflettere tra il dualismo arcade/home gaming, ma ora mi va di farlo.
Giungo così all'ovvia conclusione che Super Mario World è un titolo very home gaming mentre Sonic è dichiaratamente arcade.
___E per me la sala giochi era un luogo di culto.

___Si potrebbe stare a parlare per ore sulla giocabilità di Sonic e sulla filosofia creativa di Yuji Naka, ma per brevità riassumo in: montagne russe.

___Grande carisma, grande epica, grandi musiche, meno di dieci persone per svilupparlo. Sì, lo so che Sonic 2 è anche meglio ma è facile andare in America una volta che è stata scoperta.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Sonic è stato uno dei piaceri della mia vita videoludica. Almeno fino a Sonic Adventure.

Ran

Anonimo ha detto...

Stimo alquanto il porcospino.

Postinopazzoide

PrincipeDPersia ha detto...

Nel mio appartamento bolognese, pieno di universitari folli, l'istrice è diventata una vera e propria istituzione... Ogni 3 settimane circa, io e un mio inquilino ingaggiamo un particolare agone, che noi amiamo chiamare "Maratona": lui al Pc, io alla PS2; la più adrenalinica sfida a cui abbia mai partecipato... Si prende il primo Sonic The Hedgehog (rispettivamente in rom e sul Mega Collection Plus) e si parte, chi arriva per primo alla fine vince! 40 minuti scarsi di puro divertimento, dove i sonori degli autoparlanti si contrastano e si sovrappongono, in attimi di goduria quando l'avversario affoga o mentre perde la solita triste vita nel primo atto della Scrap Brain Zone...

Superbo...

Anonimo ha detto...

Sonic? Il ricordo più bello della mia infanzia. Sicuramente un giorno ritirerò fuori il mio vecchio Sega Mega Drive e ci giocherò di nuovo.

Flyboy
fly.boy@virgilio.it