Darwinia: un gioco con l'anima

___Preso Darwinia.
Che vi devo dire, è un monito per gli sviluppatori di tutto il mondo.
Il gioco costa 20 Euro, pesa 30 MB, e il 90 per cento dello spazio è occupato dal comparto sonoro.

___Darwinia ha qualcosa di cui il videogioco odierno è spesso carente: lo S-T-I-L-E.
Perché in fondo altro non sarebbe che un videogioco di strategia "alla Warcraft", per intederci.
Solo che qui viene simulato qualcosa di fortemente surreale. La prima cosa che ci viene in mente guardando le lande di Darwinia è Tron.

___Come fa Darwinia a sembrare "vivo"? Grazie al sonoro.
E' un continuo pulsare a metà tra l'organico e il sintetico.
L'atmosfera è cupa e poetica al tempo stesso, e ci riporta all'immaginario degli anni'80 in cui i computer erano ancora "macchine misteriose".
Infatti in Darwinia non ci vengono fornite troppe indicazioni, solo quelle essenziali, in linea con lo stile generale del gioco.

___Si potrebbe dire che a volte l'azione è lenta, eppure osservare questi esserini in movimento o le loro anime salire lentamente ma inesorabilmente verso il cielo diventa un'esperienza poetica in un teatro tanto minimalista quanto carismatico.

___Lo direste poi che Darwinia è un gioco ironico?
Provatelo e ve ne accorgerete.

___Anzi, COMPRATELO, perché il futuro dei videogiochi non lo fanno il Bittanti e suoi compari, ma i video-giocatori che saranno in grado di sborsare i dindi per promuovere stile, creatività e nuove esperienze.

__Datemi retta, raga'.

2 commenti:

Tony ha detto...

Bravissimo, sono pienamente d'accordo con te, in fatti l'ho preso.

neo_hh ha detto...

Pillola azzurra: parliamo di videogiochi.
Pillola rossa: videogiochiamo senza parlare. io come sempre dopo che ho visto matrix, scelgo pillola rossa!!

http://fromcyberworld.blogspot.com/